Testimonianze

Annika, apprendista

«Ho avuto un assaggio di diverse compagnie. A causa della formazione varia, ho poi deciso per l’apprendistato bancario.»

Come sei entrato nel settore bancario?
Ho avuto un assaggio di diverse compagnie. A causa della formazione varia, ho poi deciso per l’apprendistato bancario.

Cosa ti piace particolarmente della tua formazione?
Apprezzo particolarmente il contatto con i clienti e la varietà, dato che noi apprendisti cambiamo reparto ogni sei mesi e guadagniamo così molte conoscenze. Mi piacciono anche i corsi interaziendali di CYP, perché lì si può entrare in contatto con apprendisti di altre banche e quindi dare un’occhiata anche ad altre banche, il che è molto interessante.

Com’è la supervisione dei discenti?
Nella nostra azienda, cambiamo reparto ogni sei mesi. In ogni dipartimento abbiamo un istruttore pratico responsabile. Inoltre, abbiamo anche un supervisore HR, cioè qualcuno del dipartimento HR, che è la nostra persona di riferimento durante tutti e tre gli anni di apprendistato.

Ha dei progetti per dopo la laurea?
Dato che sto anche prendendo la maturità professionale in aggiunta alla mia formazione, posso ben immaginare di affrontare un corso di studi part-time dopo la laurea.

Stephan, praticante BEM 

«Vorrei continuare a lavorare nella stessa banca, cioè ottenere un lavoro permanente»

Per quale motivo hai scelto un praticantato BEM?
Un mio amico ha fatto il praticantato presso una grande banca ed era entusiasta della sua formazione variata.

Cosa ti piace particolarmente della tua formazione?
Da una parte l’ottima assistenza da parte dell’ufficio personale e in particolare da parte dei formatori di pratica, responsabili delle giovani leve. Dall’altra parte le molteplici impressioni ricevute nei diversi reparti.

Sai già cosa farai dopo il diploma?
Mi piacerebbe continuare a lavorare nella stessa banca e quindi diventare un impiegato fisso. Dopo il conseguimento del mio diploma dovrò però ancora svolgere il mio servizio militare e non è ancora certo quando lo farò.

Michelle, praticante BE

«Puoi incontrare persone simpatiche e si sperimenta un sacco di varietà. Gli apprendisti possono vedere all’interno di diversi dipartimenti come il credito, le strutture o il lavoro al banco.»

Per quale motivo hai scelto un praticantato BEM?
Un praticantato della durata di un anno è parte integrante della mia vera formazione, la scuola media di commercio con la maturità professionale. Ora però ho deciso di svolgere l’intero praticantato BEM della durata di 18 mesi per conseguire il certificato in tecnica bancaria. Il settore bancario mi ha sempre interessato.

Cosa ti piace particolarmente della tua formazione?
Si conoscono persone simpatiche e vi è molta variazione. Le persone in formazione vedono diversi reparti come il settore crediti, il settore investimenti e lo sportello. Inoltre vi sono delle buone prospettive e possibilità di perfezionamento.

Sai già cosa farai dopo il diploma?
Mi piacerebbe partecipare al nostro programma di sviluppo interno per le giovani leve.

Colin Besserer, Formatore di pratica

«Nel mio caso, i responsabili mi hanno avvicinato. Mi piace lavorare con i giovani, quindi ho detto di sì. Ora sono una PA da circa quattro anni.»

Come è diventato formatore di pratica (FP)?
Nel mio caso me l’hanno chiesto i miei responsabili. Mi piace lavorare con i giovani, perciò ho accettato. Ora sono quattro anni che lavoro come FP.

Quali sono le caratteristiche di un buon FP?
I presupposti sono sicuramente che si riesca a gestire bene i giovani, che ci si dedichi a loro e che si possieda la giusta sensibilità per poterli anche condurre ed offrirgli una formazione strutturata. E naturalmente bisogna dargli anche il sostegno nei momenti difficili in cui non tutto va liscio, sia in ambito professionale sia in ambito privato.

L’attività di formatore di pratica è apprezzata?
Molto, da una parte dai superiori e dall’altra dai giovani stessi. Organizzano persino ogni anno una festa per i formatori di pratica.